Progetti Finanziati

Ricerca Progetti Finanziati

LA RICERCA VERTE SUGLI ARCHIVI DI IMPRESA CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL SETTORE DELLA MODA. SI INTENDE ANALIZZARE LA PRODUZIONE ARTIGIANALE NEL TERRITORIO SALERNITANO, NEL CORSO DEI SECOLI XIX-XX, LEGATA ALLE CONFEZIONI DI ALTA MODA E DI PRET À PORTER A

Il progetto intende ripercorrere la storia della famiglia e dell’impresa Passaro, di cui allo stato attuale si conoscono le vicende a partire dagli anni Cinquanta fino ai nostri giorni, ricercando testimonianze documentarie a ritroso nel tempo per arrivare all’origine dell’impianto artigianale legato alle confezioni di moda. La ricerca si svilupperà presso l’Archivio di Stato di Salerno, l’Archivio della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Salerno, l’Agenzia del Territorio di Salerno e l’Anagrafe storica dei diversi Comuni della Provincia. Sarà effettuata un’introduzione concernente la nascita, la formazione e l’attività della Maison Passaro attraverso accurate indagini condotte su documenti inediti, consentendo di ricostruire, sin dalle prime fasi, una vicenda imprenditoriale che ha segnato, e segnerà ancora, la storia economica dell’Italia e non solo. La storia e l’evoluzione dell’attività imprenditoriale della famiglia sono strettamente collegate alle azioni e alle scelte compiute dai membri della casata che ne furono protagonisti e partecipi. Attualmente, come inizio di questa vicenda si può considerare il piccolo commercio di tessuti avviato per la prima volta da Francesco Passaro nel 1915. Ma ulteriori scavi documentari verranno compiuti anche per il secolo XIX e, se necessario, ancora indietro nel tempo, per illustrare i prodromi di una vicenda in continua evoluzione. In questo ambito di studi rientra la realizzazione dell’Inventario dell’archivio della Casa di Moda Passaro di Cava de’ Tirreni che consentirà di ricostruire la nascita, l’organizzazione e l’attività di un’impresa legata proprio alla produzione e allo sviluppo dei settori dell’alta moda e del pret à porter a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso. L’intero complesso documentario è attualmente conservato presso la residenza privata di Pinella Passaro a Cava de’ Tirreni, ad eccezione dei documenti relativi alla Contabilità che si trovano presso la Sala riunioni dell’Atelier Passaro di via Nigro a Cava de’ Tirreni, esposti in una cornice lignea e con una protezione di vetro.In base all’ordinamento previsto il fondo verrà composto da sei unità sciolte, che coprono un arco cronologico che va dal 1932 al 1976. Tuttavia, dall’analisi del materiale è emersa la necessità di operare al suo interno alcune suddivisioni. Verrà così articolato nei seguenti nuclei: Corrispondenza, relativa agli anni 1950-1954; Contabilità, riferita al periodo 1946-1949; Abiti, concernenti gli anni 1954-1976, e Documentazione fotografica, per il periodo 1932-1975.Per le carte sciolte verranno riportati i seguenti elementi: tipologia, estremi cronologici, luogo e intestazioni originali. Accanto al carteggio tradizionale, particolare attenzione verrà data pure all’archivio del prodotto, in ragione dell’importanza del recupero dei segni e delle testimonianze dell’impresa.Per la descrizione degli abiti sarà utilizzata la scheda VeAC, ‘Vestimenti Antichi e Contemporanei’, Versione 3.01 messa a punto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Verranno indicati gli estremi cronologici, i dati tecnici relativi alla fatturazione e lo stato di conservazione.Per la schedatura del materiale fotografico sarà impiegato il format del software di archiviazione e inventariazione digitale Archimista 2.1.0 che, in linea con la normativa ministeriale, prevede la presenza di una scheda ‘F’ di primo livello che permetta di agganciare l’immagine, grazie all’applicazione Image Magick, alla relativa descrizione. L’inventariazione delle fotografie comprenderà i seguenti elementi: estremi cronologici, luogo della ripresa, contenuto e descrizione fisica con indicazioni relative al supporto, all’altezza e alla larghezza. Il patrimonio fotografico conservato consentirà di ripercorrere, attraverso le immagini, la storia incrociata di una famiglia e di un’impresa e la sua ascesa nel mondo della moda italiana.

StrutturaDipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo1.500,00 euro
Periodo20 Novembre 2017 - 20 Novembre 2020
Gruppo di RicercaZACCARIA Raffaella (Coordinatore Progetto)