Progetti Finanziati

Ricerca Progetti Finanziati

L¿ARTE DELL¿INTERPRETAZIONE. ESPERIMENTI DI REGIA E PROVE D¿ATTORE NEL TEATRO CONTEMPORANEO

Alla luce delle ricerche già avviate si rende indispensabile ampliare il campo d’indagine. Analizzare infatti l’evoluzione delle tecniche attoriche e il consolidamento dell’attività registica nel panorama teatrale russo del primo Novecento richiede uno sguardo particolarmente attento e una visione più articolata.Le figure di Mejerchol’d e Stanislavskij, fra le più dinamiche in quello scorcio di secolo, intrecciano la loro intensa sperimentazione con attori e registi che contribuiscono in maniera originale e feconda alla graduale definizione delle teorie correlate alla pratica scenica.Dal Teatro d’Arte di Mosca, che già sul finire dell’Ottocento si profila come un elemento di rottura e di profondo rinnovamento rispetto alla tradizione teatrale, nei primi anni del Novecento progressivamente si distacca una linea ancora più avanzata di ricerca che conduce infine alla fondazione del Primo Studio.Tale laboratorio, diretto da Stanislavskij e Suleržickij, attrae personalità del calibro di Evgenij Vachtangov, Richard Boleslavskij e Michail Čechov, e diventa una vera e propria fucina di idee, dalla fisionomia piuttosto complessa.Non è infatti ancora stato chiarito fino in fondo il contributo personale di Vachtangov, Boleslavskij e Čechov, attivi sia come registi che come attori al Primo Studio, artefici di importanti varianti apportate al sistema stanislavskijano che proprio in quegli anni sta nascendo e sta definendo le sue peculiarità.In anni recenti, però, la storiografia russa ha cominciato a gettare una nuova luce su questo aspetto, rendendo disponibili materiali finora inediti che consentono oggi di avviare una rinnovata riflessione. Tuttavia tale bibliografia è pubblicata in lingua russa e quindi fruibile da un numero limitato di studiosi. La ricerca si propone dunque di avviare un’accurata selezione dei materiali più significativi e utili per la definizione di un nuovo quadro teorico e storico, divulgandoli per la prima volta in lingua italiana, e di ricostruire il ruolo autonomo che ciascun protagonista ha assunto in quella straordinaria stagione di fondazione del teatro contemporaneo, non solo russo.Naturalmente, per una ricognizione esaustiva del materiale disponibile, sarà necessario compiere una missione a Mosca presso gli archivi di settore (lo RGALI - Archivio per le arti e la letteratura) e gli archivi del museo teatrale Bachrušin. In occasione di tale sessione di ricerche sarà inoltre possibile programmare utili momenti di confronto con studiosi e professionisti particolarmente competenti nell’ambito della ricerca, al fine di consolidare un rapporto di collaborazione già avviato: Vladislav Ivanov, direttore della Sezione Teatro dell’Institut Iskusstvoznanija di Mosca, curatore della importante raccolta di scritti vachtangoviani pubblicata nel 2011, e Sergej Čerkasskij, regista e pedagogo che ha aperto un nuovo fronte di indagine intorno al Sistema stanislavskijano, dedicando un’attenzione particolare alla figura di Boleslavskij.

StrutturaDipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo1.400,00 euro
Periodo20 Novembre 2017 - 20 Novembre 2020
Gruppo di RicercaEGIDIO Aurora Maria (Coordinatore Progetto)
INNAMORATI Isabella (Ricercatore)
SAPIENZA Annamaria (Ricercatore)