Projects

Research Projects

FENOMENOLOGIA DELL'ESTETICO METROPOLITANO

Sulla base delle acquisizioni teoriche fin qui raggiunte intorno al concetto di infraestetico – per infraestetico si è inteso la pratica che, sottraendo il sentire all’omologazione a cui spinge la società globalizzata, conduce a un ospitarsi reciproco che non elimina le differenze, piuttosto rende ciascuna in sé plurale e mobile - la ricerca si propone l’analisi critica di una specifica forma di patologia di cui soffre l’estetico contemporaneo: l’enfatizzazione di forme dell’estetico culturalmente determinate e violentemente rivendicate (le guerre in atto ne sono il tragico epifenomeno). In tale prospettiva particolare attenzione sarà accordata alla rivisitazione critica di concetti quale “l’essere in comune” (Nancy) per giungere a pensare il comune (si terrà qui conto del dibattito in corso su tali temi) come differenziazione e polemos, la relazione come una prossimità che è insieme distanza e dissimmetria. Si vuole in tal modo sottrarre il due alla riduzione al medesimo, come pure all’indifferente lasciar essere della tolleranza (Zambrano, Derrida), ed elaborare un altro movimento. Un movimento capace di pensare il fronteggiarsi delle differenze, la loro irriducibilità, come relazione e la relazione come contagio e infezione di ciascuna parte. Parte che è tale perché pluralità agonica e mossa che, in forza di un movimento che sempre da capo si fa, continuamente ri-inventa se stessa (tale ri-invenzione è educazione estetica). Per affrontare tali questioni è necessario – altro punto su cui la ricerca è impegnata - mettere in campo strategie conoscitive capaci di comprendere la complessità delle trasformazioni in atto e renderne ragione. Perché ciò sia possibile è necessario – è questa una precisa scelta metodologica –mettere in movimento saperi, linguaggi, metodi, categorie in maniera che questi, senza rinunciare alla propria specificità, siano spinti a incroci capaci di dar vita a inedite configurazioni di pensiero.

DepartmentDipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC
FundingFondi dell'ateneo
FundersUniversità  degli Studi di SALERNO
Cost1.710,00 euro
Project duration28 July 2015 - 28 July 2017
Research TeamDE LUCA Maria Giuseppina (Project Coordinator)