Projects

Research Projects

LA CERAMICA A FIGURE ROSSE IN GRECIA, MAGNA GRECIA E SICILIA. REVISIONE DELLE PRODUZIONI E DELLE OFFICINE ALLA LUCE DEI CONTESTI DI SCAVO E DELLE NUOVE ACQUISIZIONI DA COLLEZIONI PRIVATE.

Il presente progetto di ricerca, in continuazione con quello precedente, intende portare l'attenzione sulla ceramica a figure rosse prodotta in Grecia, soprattutto ad Atene, in Magna Grecia e Sicilia tra la fine del VI alla fine del IV secolo a.C..In particolare si intende proporre un ampliamento della catalogazione informatizzata già avviata nell’anno precedente, con l'obiettivo di giungere ad una revisione di produzioni e officine alla luce dei contesti di scavo e sulla base di recenti acquisizioni, anche da collezioni private.Il database relazionale, corredato da immagini acquisite mediante l'utilizzo di scanner ottici, che si intende immettere su piattaforma Web, costituirà la base per una ricerca a più livelli che fisserà l'attenzione principalmente sulle seguenti problematiche di ricerca:- individuazione di produzioni, officine e pittori, con l'obiettivo di precisare l'inquadramento cronologico e la pertinenza ad ambiti culturali. Il metodo utilizzato, ormai consolidato all'interno del gruppo di ricerca salernitano, prevede la scomposizione grammaticale di tutti gli elementi figurativi presenti nelle scene (decorazioni secondarie, stilemi, composizione delle scene. A queste problematiche sono anche collegate ricerche specifiche di dottorandi dell’Università di Salerno.- riconoscimento, discussione e lettura iconografica dei principali temi raffigurati, sia mitologici che funerari, o legati alla sfera quotidiana, al fine di ricostruire il patrimonio iconografico e l'universo culturale dei differenti ambiti di produzione, e riconoscere specificità all'interno di officine e produzioni culturalmente omogenee. Anche per quanto riguarda l'analisi iconografica il gruppo di ricerca ha da anni maturato una grande esperienza ed un metodo di lettura delle immagini conosciute nella produzione attica e italiota ormai consolidato e confrontato con altri gruppi di ricerca in occasione di Convegni Internazionali e Seminari.- ricostruzione e analisi dei contesti di rinvenimento che permettano di ancorare i prodotti ad ambiti e cronologie precise.Il confronto dei dati ottenuti dai tre livelli di analisi consentirà una ridefinizione delle officine e dei pittori presi in esame e di mettere a punto una metodologia valida per una revisione di tutta la ceramica attica e italiota.Fino a questo momento l’attenzione si è concentrata in particolare su una ricchissima collezione privata napoletana, al cui interno sono raccolti numerosi vasi inediti attici, apuli e campani, attualmente in corso di pubblicazione.Il progetto prevede le seguenti fasi:Nei primi sei mesi sarà completata la schedatura e la catalogazione informatizzata dei vasi a figure rosse prodotti in Grecia, Magna Grecia e Sicilia, con la creazione di un database relazionale, corredato da immagini acquisite mediante scanner ottico.Nei successivi sei mesi sarà completato lo studio formale, stilistico e iconografico sui dati immessi nel database, al fine di individuare produzioni e officine, e precisare le cronologie. Questo step sarà fondamentale per testare la validità della scheda informatizzata concepita e apportare eventuali miglioramenti calibrati sulle necessità individuate attraverso l'analisi del materiale.Nel secondo anno, per i primi sei mesi sarà portato a termine lo studio formale, stilistico e iconografico. Sarà inoltre parallelamente avviata la ricostruzione dei contesti di rinvenimento, sulla base dell'edito. Anche questi dati confluiranno nel database, così come la catalogazione informatizzata delle ceramiche provenienti da Collezioni private.I rimanenti sei mesi del secondo anno saranno dedicati alla messa in sistema di tutti i dati, all'elaborazione della pubblicazione del Catalogo realizzato delle ceramiche a figure rosse in Grecia, Magna Grecia e Sicilia , sia a stampa che in un sito Web appositamente creato.

DepartmentDipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC
FundingFondi dell'ateneo
FundersUniversità  degli Studi di SALERNO
Cost1.650,00 euro
Project duration11 December 2013 - 11 December 2015
Research TeamMUGIONE Eliana (Project Coordinator)