Projects

Research Projects

IL RITORNO DELLA METAFISICA IN OCCIDENTE

In una prima fase il progetto intende restituire un quadro esauriente dello stato della conoscenza della metafisica, in area latina nei secoli anteriori al XIII: dopo Boezio, che fa esplicita menzione dell’opera di Aristotele, la memoria del testo sembra sparire dal patrimonio culturale latino (G. D’ONOFRIO, Quando la metafisica non c’era. Vera philosophia nell’Occidente latino ‘pre-aristotelico’, in Metaphysica - sapientia - scientia divina cit. 2005, p.103), mentre ne prosegue la tradizione esegetica in area greco-bizantina e siriaca, quindi islamica (D. GUTAS, Greek Thought, Arabic Culture: the Graeco-Arabic translation movement, 1998). Recentemente il responsabile del presente progetto ha scoperto quella che è lecito considerare la prima citazione latina diretta della Metafisica di Aristotele in Occidente, contenuta nella versione latina del De sancto et immortali Deo, trattato polemico greco-latino redatto a Costantinopoli nel 1176 dal legato pontificio Ugo Eteriano da Pisa: ci si propone ora di individuare ulteriori testimonianze e documenti appartenenti al contesto intellettuale legato ai rapporti tra Repubbliche marinare e Grecia, nell’intento di evidenziare la genesi di percorsi teoretici sulla natura del sapere metafisico anteriori alla diffusione della traduzione di Giacomo Veneto e all’inserimento dell’opera aristotelica nei programmi di studio delle Facoltà delle Arti.Una seconda fase prevede la verifica della portata teologico-speculativa della testimonianza di Ugo Eteriano e dell’incidenza sulla produzione teologico-filosofica della fine del sec. XIII di concetti da lui attinti al libro A della Metafisica, come la definizione di Dio quale "aliquod principium causarum". Per l’elaborazione di una considerazione della "prima philosophia" di Aristotele come disciplina autonoma in tale contesto sarà dunque necessario sottoporre ad analisi le opere degli autori legati alla scuola dei Porretani (L. CATALANi, I Porretani, Turnhout, 2008), come Gilberto di Poitiers, Alano di Lilla, Ugo di Honau, Everardo di Ypres, Giovanni di Salisbury, ecc., dal cui ambiente culturale dipende la formazione intellettuale dell’Eteriano. Sarà infine possibile verificare i primi esiti dell’incidenza del sapere metafisico nel maturare della tendenza alla separazione definitiva delle scienze mondane dalla teologia e alla prima elaborazione della teoria dei trascendentali. La realizzazione di tale percorso di indagine prevede l’opportunità di contatti internazionali con ricercatori esperti nel settore nonché l’utilizzazione di strumentazioni disponibili presso sedi di ricerca europee. In particolare sono previste missioni dei ricercatori presso la Lehrstuhl für Lateinische Philologie des Mittelalters di Erlangen (Friedrich-Alexander Universität, Erlangen- Nürnberg), titol. prof. Michele C. Ferrari, che mette a disposizione laboratori e biblioteche specializzati, e consente l’iscrizione al Master SCRIPTO (Scholarly Codicological Research, Information & Palaeographical Tools); e presso l’École Pratique des Hautes Études di Parigi, Classe de «Religions et systèmes de pensée», titol. prof.ssa Irène Rosier Catach (Lab. CNRS UMR 7597, resp. del progetto europeo Glosulae).È previsto l’acquisto di strumentazioni informatiche per l’utilizzazione di banche dati riservate di Ateneo; l’acquisto di certificato esclusivo per l’accesso a DB specializzati; l’attivazione di prestito inter-bibliotecario a pagamento: tutti strumenti indispensabili per l’attuazione delle ricerche testuali, lessicografiche e bibliografiche richieste dal progetto.È previsto il contributo parziale a pubblicazioni dedicate ai risultati della presente ricerca, presso le collane (ed. Brepols, Belgio, e Città Nuova, Roma) dirette dal responsabile della ricerca: in particolare nella programmazione della serie Collationes (Città Nuova) è già approvata la realizzazione di un volume dal titolo “Esemplarismo e pensiero eidetico: metafisica, scienza e fenomenologia nel Medioevo”.

DepartmentDipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC
FundingFondi dell'ateneo
FundersUniversità  degli Studi di SALERNO
Cost1.750,00 euro
Project duration11 December 2013 - 11 December 2015
Research TeamD'ONOFRIO Giulio (Project Coordinator)